Elogio Del Moralismo

Autore: Stefano Rodotà
Editore:
ISBN: 9788858106174
Grandezza: 45,47 MB
Formato: PDF, ePub, Docs
Vista: 5218
Scaricare Leggi Online


Iperdemocrazia

Autore: Stefano Rodotà
Editore: Gius.Laterza & Figli Spa
ISBN: 8858109503
Grandezza: 13,24 MB
Formato: PDF, ePub, Docs
Vista: 6694
Scaricare Leggi Online

«Se si vuol discutere seriamente di tecnologia e democrazia, allora, bisogna evitare una versione riduttiva dell'una e dell'altra. Gli strumenti resi disponibili dalle diverse tecnologie dell'informazione non debbono essere considerati soltanto come mezzi che rendono possibile un voto sempre più facile, rapido, frequente.»«Si può sfuggire a questa impostazione dei rapporti tra tecnologia e democrazia? Per farlo, è necessario andar oltre l'identificazione della democrazia elettronica con una logica di tipo referendario e analizzare le molteplici dimensioni del problema, che riguardano gli effetti delle tecnologie dell'informazione sulle libertà individuali e collettive; i rapporti tra amministrazione pubblica e amministrati; le forme dell'organizzazione collettiva dei cittadini; le modalità di partecipazione dei cittadini alle diverse procedure di decisione pubblica; i tipi di consultazione dei cittadini; i caratteri e la struttura del voto.»

Elogio Del Lusso

Autore: Thierry Paquot
Editore: LIT EDIZIONI
ISBN: 8868268418
Grandezza: 19,48 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 7087
Scaricare Leggi Online

Questo libro non è un elogio della società dei consumi,dell’accumulazione di gadget e status symbol inutili. L’industria ufficiale del lusso genera centinaia di migliaia di posti di lavoro, e raggiunge milioni di consumatori, e quello che un tempo riguardava una ristretta élite-vestiti, profumi, tecnologie-oggi interessa le masse. La nuova frontiera non sta dunque in beni materiali costosi, ma in tre parole che rimandano a uno stile di vita autentico e ritrovato: Tempo, Spaziosità, Silenzio. Se possiamo scegliere come usare il tempo, come qualità e non solo come quantità, nel divertimento o a lavoro, quello è il lusso. Se riusciamo a stare in ambienti che ci comunicano un senso di spaziosità, e se possiamo permetterci un po’ di pace e di silenzio, allora vuol dire che abbiamo fatto un passo avanti nelle nostre vite. Thierry Paquot è un tranquillo studioso, che vive semplicemente ed è convinto che il vero lusso è fare ciò che volete quando volete. Il lusso come distinzione basata sul denaro è finito: il lusso come distinzione basata su scelte di vita autonome, consapevoli, felici è il futuro. La proposta di questo libro è una nuova filosofia della cura di sé, che è la frontiera più ambita: ritrovare noi stessi, interiormente ed esteriormente, è un lusso che possiamo e dobbiamo permetterci.

La Formazione Del Mediatore

Autore: Maria Martello
Editore: UTET Giuridica
ISBN: 8859811775
Grandezza: 61,72 MB
Formato: PDF, Kindle
Vista: 6628
Scaricare Leggi Online

Un’interpretazione del conflitto in funzione dei soli parametri giuridici ed economici sarebbe destinata a lasciare in ombra realtà che sfuggono a spiegazioni razionali: la dimensione emotiva dei comportamenti delle parti in lite, producendo soluzioni ‘di carta’ che lasciano aperte le ragioni di fondo del conflitto. La mediazione, invece, conduce ad accordi tendenti a soddisfare appieno i bisogni delle parti. Ma alcune mediazioni riescono, ed altre no: dipende da un quid ‘misterioso’ sul quale il mediatore fa leva, a volte con competenza, altre meno. Quel quid è il fattore umano, centrale nel conflitto, che va oltre gli interessi, tocca i bisogni apparenti e soddisfa quelli reali, esistenziali, profondi. Il mediatore che ne ha consapevolezza può portare le parti a prenderne atto, ad elaborare le ragioni del contrasto sino a superarlo, eliminando alla radice i motivi del conflitto. Questi è il mediatore che ha una buona formazione filosofico-umanistica. La formazione comporta un radicale mutamento di mentalità rispetto a specifici metodi e contenuti, onde consentire al mediatore professionale in ambito civile, familiare, penale, sociale, scolastico, aziendale gli ampliamenti d’orizzonte necessari per comprendere le complesse relazioni fra i fatti e le persone. Questo il tema del libro che traccia le linee guida della formazione del mediatore: un percorso inedito che può costituire un riferimento per quanti si occupano di formazione dell’adulto. Rappresenta una opportunità di professionalizzazione oltre che per ciascun mediatore anche per chiunque abbia responsabilità nella gestione delle liti, per chi deve fronteggiare contrasti nella sfera lavorativa e privata, per ogni persona che intenda sviluppare competenze per vivere relazioni sane, ove l’altro non rappresenti un problema ma una risorsa costruttiva. Il volume, frutto dell’esperienza didattica e professionale dell’Autrice, approfondisce le tecniche da usare nell’attività di mediazione nelle alternative dispute resolution. Partendo dalla definizione del concetto di mediatore, ne viene delineato il ruolo, che risulta essere fondamentale nei procedimenti c.d. A.D.R.: da ciò l’esigenza della formazione e dell’apprendimento delle tecniche di mediazione. L’Opera è aggiornata alla l. 9 agosto 2013 n. 98 che ha profondamente modificato l’istituto della mediazione rendendola obbligatoria per alcune materie. Il volume, frutto della collaborazione tra Wolters Kluwer Italia, Utet Giuridica e Il laboratorio sulla mediazione dell’università di Firenze presieduto dalla prof.ssa Lucarelli, è un utilissimo mezzo di approfondimento e formazione per il mediatore. PIANO DELL'OPERA PARTE PRIMA - La forza di un pensiero altro sul conflitto La base di partenza: una nuova mentalità La mediazione filosofico-umanistica Un’idea particolare di conflitto e dei vizi delle dinamiche relazionali PARTE SECONDA - La ricerca di un modello di formazione Lo stile di formazione del mediatore Una proposta di formazione, fra metodo e contenuti Il Manifesto della formazione umanistica del mediatore

Scegliere Il Principe

Autore: Maurizio Viroli
Editore: Gius.Laterza & Figli Spa
ISBN: 885811308X
Grandezza: 73,63 MB
Formato: PDF, ePub, Mobi
Vista: 5699
Scaricare Leggi Online

Le virtù e i vizi della politica sono sempre gli stessi. Viroli chiede l'avviso di Machiavelli sulle nostre vicende e gli domanda, in base alle sue opere ben scandagliate, una bussola per navigare nelle tempeste attuali. Stefano Folli, "Il Sole 24 Ore" Per un alfiere del repubblicanesimo come Viroli, la diagnosi sull'attuale politica italiana è scontata. Meno ovvio, invece, è il richiamo a un autore come Machiavelli per trovare soluzioni ad alcuni problemi che affliggono la democrazia contemporanea. In quest'ottica il volume, ricco di consigli concreti per la formazione di un consapevole e maturo giudizio politico, costituisce un breviario per i cittadini di fronte alla crisi del sistema rappresentativo e alla degenerazione dei partiti. Carlo Altini, "il manifesto"

La Condizione Necessaria

Autore: Giuseppe Civati
Editore: Imprimatur editore
ISBN: 8868302985
Grandezza: 23,38 MB
Formato: PDF, ePub, Docs
Vista: 6343
Scaricare Leggi Online

Nell’Italia delle larghe intese e degli annunci, troppe criticità restano non affrontate. Le proposte per il rigore che serve: il rigore dell’etica e della politica Grandi opere e omissioni ancora più grandi, deroghe alle leggi, controlli che mancano, autostrade bellissime e deserte, eventi che comportano debiti quasi insanabili: l’Italia è il Paese degli sprechi e della corruzione, dell’emergenza che fa affondare ogni programmazione, della politica che non sa progettare e che si appassiona eccessivamente alla gestione, anche criminale. Attraverso il confronto con gli esperti e i protagonisti della lotta alla illegalità, Giuseppe Civati propone un percorso di soluzioni urgenti e necessarie alla svolta più importante per l’Italia del futuro. Perché i soldi siano spesi bene, perché gli investimenti portino gli effetti sperati, perché un nuovo modello della spesa pubblica e del ruolo della politica si imponga. Senza strepitare, ma con la giusta misura delle misure giuste. E il giusto rigore, che non è solo finanziario, ma soprattutto etico e politico, e che in questo libro si riflette in un linguaggio serrato e preciso che non lascia spazio alla retorica. Giuseppe Civati (Monza, 1975), dottore di ricerca in filosofia, è parlamentare dal 2013. Ha pubblicato recentemente Appartiene al popolo (con Andrea Pertici) e Il trasformista. Nel suo blog – ciwati.it – si discutono ogni giorno i temi che trovate in questo libro, alternando informazioni e proposte.

Filosofia Dei Beni Comuni

Autore: Laura Pennacchi
Editore: Donzelli Editore
ISBN: 8860367646
Grandezza: 25,33 MB
Formato: PDF, Mobi
Vista: 9782
Scaricare Leggi Online

La questione dei beni comuni sta assumendo un ruolo centrale nel dibattito pubblico e nella mobilitazione politica. In Italia, di recente essa ha rappresentato un elemento imprevisto e dirompente di manifestazione della volontà popolare, in sede referendaria. I beni comuni sono quei beni che non sono proprietà di nessuno. Essi non riguardano solo le componenti naturali quali gli ecosistemi e le risorse non riproducibili,ma anche le forme della conoscenza, il capitale sociale, le regole, le norme, le istituzioni. In quanto tali, dunque, i beni comuni si ritrovano per definizione al centro di alcune tra le problematiche cruciali del nostro tempo. Dall'irrompere del dramma ambientale e del riscaldamento climatico al manifestarsi delle conseguenze della globalizzazione sregolata all'esplodere della crisi finanziaria globale: tutto impatta sui beni comuni. In senso critico, generando minacce di nuove dissipazioni, che vanno dal degrado allo spreco, dall'abuso alla mancanza di cura .Ma anche in senso positivo, di nuove opportunità che si presentano. Naturalmente, in quanto presupposti indispensabili della vita e della società umane, i beni comuni sono sempre esistiti; ma non sempre si è avuta coscienza della loro essenza, che risiede in primo luogo nell'essere “il limite” senza il quale si compie la “tragedia”. In questo libro, attraverso un'argomentazione rigorosa che tocca i campi della filosofia, dell'economia e della politica, Laura Pennacchi offre per la prima volta al lettore italiano una sintesi essenziale sul tema, proponendo anche la sua originale impostazione: i beni comuni non si identificano né col “privato” né col “pubblico”; sono piuttosto un terzo elemento chiamato a triangolare con gli altri due. Essi rappresentano non il punto di vista dell'individuo, né quello dello Stato, quanto piuttosto quello - ricco di umanità solidale - della persona.

La Vocazione Civile Del Giurista

Autore: Vincenzo Roppo
Editore: Gius.Laterza & Figli Spa
ISBN: 8858109201
Grandezza: 32,78 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 5115
Scaricare Leggi Online

Qual è oggi il ruolo del giurista, di fronte alle sfide che le contraddizioni del mondo globale pongono al diritto e alla cultura dei diritti? Si tratta di un compito difficile ma affascinante, se solo si esce da una concezione formalistica della scienza giuridica e se ne coglie appieno la funzione di risposta istituzionale a istanze e bisogni diffusi nella società. Come restituire alla persona la sua dignità, alla collettività il controllo dei beni comuni, alla società informatizzata l'accesso a internet, allo Stato i suoi doveri di garanzia delle libertà e di erogazione dei servizi sociali fondamentali, all'Europa la propria identità costituzionale?I saggi del volume, firmati da prestigiosi giuristi italiani e stranieri, delineano le nuove frontiere del diritto sulle quali si è battuto Stefano Rodotà, insigne giurista impegnato nella difesa dei diritti civili e dei valori fondamentali della democrazia, nel corso della sua attività scientifica e pubblicistica, nella sua attività parlamentare e nell'ambito dei suoi molteplici incarichi istituzionali.

Il Moralista Militante

Autore: Stefano Rodotà
Editore: Gius.Laterza & Figli Spa
ISBN: 8858130391
Grandezza: 59,50 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 1621
Scaricare Leggi Online

Sono un vecchio, incallito, mai pentito moralista. La parola mi piace, perché richiama non una moralità passiva, compiaciuta, contemplativa e consolatoria, ma una attitudine critica da non abbandonare, una tensione continua verso la realtà, il rifiuto di uno storicismo da quattro soldi che, riducendo a formula abusiva l'hegeliano «tutto ciò che è reale è razionale», spalma di acquiescenza qualsiasi comportamento pubblico e privato.