Gli Ussari Alati

Autore: Daniele Cellamare
Editore: Fazi Editore
ISBN: 8876256873
Grandezza: 31,67 MB
Formato: PDF, ePub, Mobi
Vista: 9803
Scaricare Leggi Online

Una vera e propria epopea storica, un romanzo appassionante su un capitolo fondamentale dell'epoca moderna. È l'11 settembre 1683. Il feroce esercito turco è pronto ad attaccare il cuore dell’Europa cristiana, Vienna. Cresce la preoccupazione nel mondo cattolico. Non è semplice radunare le forze necessarie a opporsi al nemico, dopo che gli scismi del secolo precedente hanno diviso i cristiani e le ambizioni politiche contrappongono i re appartenenti alla stessa fede. Proprio in questo momento di grave pericolo i personaggi più influenti d’Occidente si cimentano nell’ennesima crociata. L’Europa è spezzettata tra Stati e staterelli e i suoi sovrani sono divisi da invidie, antipatie e questioni territoriali, ma l’Impero ottomano è al culmine della sua potenza. Eppure, mentre le voci e i sussurri di un pericolo oscuro proveniente da sud-est corrono più veloci di qualsiasi staffetta, sono in pochi a rendersi conto che la posta in palio è che di lì a poco, sui cieli d’Europa, da ogni guglia e da ogni campanile, sventoli la bandiera con la mezzaluna – che il vero obiettivo di Kara Mustafà non è Vienna, la “mela bianca”, ma la “mela rossa”: Roma. Non lo capisce il “re cristianissimo” Luigi XIV di Francia, che per delle ruggini verso Leopoldo I, imperatore del Sacro Romano Impero, decide di non intervenire, abbandonando la capitale austriaca al suo destino. Le speranze sembrano già perdute, ma non è così. Il papa affida a un frate cappuccino, padre Marco d’Aviano, il compito di creare una Lega Santa tra i sovrani cattolici, chiedendogli in particolare di cercare l’appoggio della Polonia, nelle cui brughiere è custodito il segreto dei misteriosi ussari alati, corpo guerriero d’élite di cui si sa solo una cosa: è l’unico, nell’intera storia militare europea, a non essere mai stato sconfitto. E così, mentre dall’alto delle mura di Vienna già si scorgono, all’orizzonte, le avanguardie del più grande esercito turco che abbia mai messo piede in Europa, proprio gli ussari alati potrebbero essere l’ultima speranza per la città. Gli Ussari alati affronta il tema caldo e controverso dello scontro-incontro tra culture, le cui radici gettano una luce in più su cui riflettere. Degna di nota è la tipologia variegata delle informazioni: oltre agli elementi storici, utili per l'inquadramento cronologico, sono presenti tantissime curiosità riguardanti luoghi, oggetti e personaggi.

Unit Di Cavalleri

Autore: Fonte: Wikipedia
Editore: Books LLC, Wiki Series
ISBN: 9781232617914
Grandezza: 13,57 MB
Formato: PDF, Kindle
Vista: 1343
Scaricare Leggi Online

Fonte: Wikipedia. Pagine: 43. Capitoli: Ussari alati di Polonia, Catafratto, Cavalleggeri, Ussaro, Elefante da guerra, Cavalleria napoleonica, Schola, Schwarze Schar, Dragone, Corazzieri, Spahi, Harquebusier, Eteri, Reiter, Timariot, Ussari della morte, Meharisti, Feditore, Savari, Arciere a cavallo, Deli, Pancerni, Ulano, Akinci, Prodromoi, Dvor, Lanciere, Raitri, Mangudai. Estratto: Gli Ussari alati di Polonia (Husaria in lingua polacca, in lingua russa) furono il corpo militare che costitu il nerbo delle forze di cavalleria dell'esercito del Regno di Polonia prima e della Confederazione Polacco-Lituana (v. Unione di Lublino - 1569) poi. Rispetto ai normali ussari, classificabili come forze di cavalleria leggera, gli ussari polacchi erano una forza di cavalleria pesante d' lite. Fondati nel biennio 1574-1576 per volont del sovrano Stefan Batory (regno 1576-1586), grande riformatore dell'armata confederata, gli ussari alati scomparvero per volont del Sejm (parlamento) della Confederazione nel 1775. Reclutati tra i ranghi della nobilt polacco-lituana, gli szlachta, i Towarzysz Husarski ("Compagni Ussari") mantenevano alle loro dipendenze piccole squadre di cavalieri secondo il modello medievale della lancia (unit militare), da loro armati e stipendiati, e rispondevano direttamente al Rotmistrz, comandante supremo dello squadrone (Chor giew) di cavalleria. Caratteristica distintiva degli Husaria erano le "ali," supporti di legno ornati di penne, assicurate alle loro selle o alle lamine posteriori della loro corazza. Ussaro polacco - XVI secolo. Ussari polacchi nella Battaglia di Or a (1514).I primi ussari menzionati nelle cronache europee erano guerrieri fuoriusciti della Serbia e riparati nel Regno d'Ungheria dopo la conquista ottomana delle loro terre (1459). Questi Husz r vennero dai magiari inquadrati nella cavalleria leggera dell'esercito regio come schermagliatori. Erano armati di una lunga lancia, scudo e spada (spesso scimitarre turche ...

L Ultima Crociata

Autore: Arrigo Petacco
Editore: Edizioni Mondadori
ISBN: 8852013784
Grandezza: 45,81 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 3151
Scaricare Leggi Online

Arrigo Petacco ripercorre in queste pagine tutte le fasi della lotta millenaria del mondo cristiano contro l'Islam: dal 732, quando i paladini di Carlo Martello arginarono a Poitiers la prima invasione araba.

An Itinerary

Autore: FYNES MORYSON
Editore:
ISBN:
Grandezza: 63,94 MB
Formato: PDF, ePub, Docs
Vista: 7033
Scaricare Leggi Online


Imprimatur

Autore: Rita Monaldi
Editore: Polygon
ISBN: 9781846972645
Grandezza: 48,44 MB
Formato: PDF, Kindle
Vista: 4250
Scaricare Leggi Online

11 September 1683, Rome. The citizens of the city wait anxiously for the outcome of the battle for Vienna as Ottoman forces lay siege to the defendersof Catholic Europe. Meanwhile, a suspected outbreak of plague causes a famous Roman tavern to be placed under quarantine. One of its detainees, the mysterious Atto Melani, a spy in the service of France, discovers a secret passage leading deep into the Roman underworld. A plot to assassinate the pope and plans to use the plague as a weapon of mass destruction in the battle between Islam and the West are discovered. Meticulously researched and brilliantly conceived, Imprimatur contains startling revelations that have been concealed for centuries, drawing on original papers discovered in the Vatican archives. A thriller in the vein of Umberto Eco's The Name of the Rose, this novel sheds new light on the power struggles of 17th-century Europe, the repercussions of which are still felt today. First published to great controversy in Italy in 2002, Imprimatur was boycotted by the Italian press and publishing world. Despite this, the novel has gained European bestseller status; it has been translated into 20 languages with editions published in 45 countries. Over 1 million copies have been sold to date.

La Ragazza Di Vajont

Autore: Tullio Avoledo
Editore:
ISBN:
Grandezza: 25,40 MB
Formato: PDF
Vista: 8437
Scaricare Leggi Online


Storie Di Caffe Ovvero Il Caff Nella Letteratura Italiana

Autore: Duilio Chiarle
Editore: Lulu.com
ISBN: 1291469044
Grandezza: 12,99 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 3132
Scaricare Leggi Online


International Review Of Military History

Autore:
Editore:
ISBN:
Grandezza: 51,13 MB
Formato: PDF, Mobi
Vista: 4434
Scaricare Leggi Online


Barry Lyndon

Autore: William Makepeace Thackeray
Editore:
ISBN:
Grandezza: 29,24 MB
Formato: PDF, Mobi
Vista: 8191
Scaricare Leggi Online


The Book Of The Sword

Autore: Richard F. Burton
Editore: Cosimo, Inc.
ISBN: 1605204366
Grandezza: 48,53 MB
Formato: PDF
Vista: 3981
Scaricare Leggi Online

As the so-termed founding of Rome took place during the early Iron Age of Southern Europe, it is probable that the citizens, like their predecessors the Etruscans, originally made their blades of copper and bronze, the leaf-shape being borrowed from the Greeks, as we see it retained by the gladiators. The material would last into the Age of Steel, but even in her early years Rome must have preferred the harder metal. Pliny expressly tells us that Porsena, after his short-lived conquest, prohibited the future masters of the world from using iron except in agriculture... -from Chapter XII: "The Sword in Ancient Rome; The Legion and the Gladiator" Notorious for his global exploits-not to mention his unexpurgated translations of The Arabian Nights and the Kama Sutra-British adventurer and author CAPTAIN SIR RICHARD FRANCIS BURTON (1821-1890) was also a soldier and an aficionado of fencing, which is surely how he came about his interest in the sword. "The history of the sword is the history of humanity," Burton declares in his introduction to this classic 1884 survey of the weapon, and then goes on to explore that noble history through: [ the origin of weapons [ the ages of wood, bone, and horn [ copper weapons [ bronze and brass axes and swords [ the sword in ancient Egypt [ the sword in Babylonia, Persia, and ancient India [ the sword in ancient Greece [ the sword in ancient Rome [ and much more Profusely illustrated with beautifully detailed line drawings, this is an essential reference for anyone interested in the history of weaponry.