Il Mio Secolo

Autore: Günter Grass
Editore:
ISBN: 9788806156503
Grandezza: 14,80 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 3098
Download Read Online


Letteratura Italiana 3

Autore: Sabrina Torno
Editore: Alpha Test
ISBN: 8848313531
Grandezza: 10,56 MB
Formato: PDF, ePub, Docs
Vista: 6109
Download Read Online


Colonia Italiana In Cina

Autore: Sandro Bassetti
Editore: Lampi di stampa
ISBN: 8848816568
Grandezza: 77,42 MB
Formato: PDF
Vista: 6435
Download Read Online

Quasi tutti noi associamo la Cina a Marco Polo. La realtà è ben diversa poiché i rapporti fra i due Paesi nascono ai tempi dei Cesari e culminano in una serie di possedimenti nelle maggiori città della Cina, prima fra tutte l’odierna Tianjin dove è costruito un grande quartiere con caserme, ospedale, municipio, ufficio postale. Tutto ciò dal 1900 al 1947. Quella che era la colonia italiana è ancora esistente ed in ottimo stato di conservazione divenendo un centro commerciale internazionale.

La Civilt Cattolica

Autore:
Editore:
ISBN:
Grandezza: 30,42 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 5134
Download Read Online


Voci E Silenzi Della Storia

Autore: Cesare Giacobazzi
Editore: Medusa Edizioni
ISBN: 9788876980589
Grandezza: 36,44 MB
Formato: PDF, Kindle
Vista: 4916
Download Read Online


Il Mio Secolo

Autore: Aleksander Wat
Editore: Sellerio Editore srl
ISBN: 8838930961
Grandezza: 15,91 MB
Formato: PDF
Vista: 9262
Download Read Online

Scrittore e intellettuale polacco in queste conversazioni con Miłosz, Aleksander Wat attraversa tutto il Novecento, nelle pagine scorre quel che è accaduto nel secolo breve in Polonia, Germania, Russia, Europa, America. «Documento di testimonianza storica Il mio secolo è anche un capolavoro di autobiografia. La voce di Wat è irresistibile e lui racconta la sua storia con tale rigore e intelligenza, con un calore umano talmente travolgente, che uno è perennemente alterato dalle sue parole... uno dei libri più toccanti e potenti che abbia mai letto» (Paul Auster).

Oldrado Racconto Storico Risguardante Milano Alla Meta Del Secolo 15 Di G C Con Rame

Autore: Giovanni Campiglio
Editore:
ISBN:
Grandezza: 51,69 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 9103
Download Read Online


Letture

Autore:
Editore:
ISBN:
Grandezza: 69,41 MB
Formato: PDF, ePub, Mobi
Vista: 9137
Download Read Online


Cento Racconti Popolari Lucchesi

Autore: Idelfonso Nieri
Editore:
ISBN:
Grandezza: 65,83 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 3462
Download Read Online


Cento Racconti

Autore: Ray Bradbury
Editore: Edizioni Mondadori
ISBN: 885204034X
Grandezza: 65,73 MB
Formato: PDF, Kindle
Vista: 2138
Download Read Online

«I racconti sono qui. Ce ne sono cento, quasi quarant'anni della mia vita. Contengono metà delle verità sgradevoli sospettate a mezzanotte e metà di quelle gradevoli riscoperte a mezzodì del giorno successivo. Se c'è una cosa che in questo libro ho inteso fornire, questa è semplicemente la mappa della vita di un uomo che a un certo punto si è messo in viaggio verso una qualche meta, e poi ha continuato ad andare. La mia vita non è stata tanto il risultato di una serie di riflessioni quanto piuttosto di una serie di azioni che, una volta compiute, mi hanno permesso di capire che cosa avevo fatto e chi ero. Ogni racconto è stato un modo di trovare aspetti del mio io, ciascuno un po' diverso da quello trovato ventiquattr'ore prima.» Con queste parole Ray Bradbury ha suggellato la sua prima imponente antologia di racconti, uscita nel 1980 da Knopf con il titolo ultimativo The Stories of Ray Bradbury. Scelte e ordinate dall'autore, queste cento storie - arricchite nella presente edizione dall'inedita, vivacissima intervista alla «Paris Review» - disegnano un percorso affascinante nella produzione di Bradbury, scrittore poliedrico e al tempo stesso fedelissimo alle sue passioni e all'idea di arte come suprema forma di felicità che esclude, almeno in apparenza, ogni sospetto di sofferenza o sacrificio intellettualistico. Tra le storie di Ray Bradbury campeggia, anzitutto, la fantascienza: genere che ha dato fama indiscussa all'autore, dopo gli inizi quasi in incognito, quando - nell'immediato dopoguerra - gli scenari di una vita futura sulla Terra, i marziani o la colonizzazione da parte degli esseri umani del Pianeta Rosso erano visti con sospetto o malcelato sarcasmo dall'establishment letterario, bollati addirittura con l'etichetta pulp. Niente di più lontano dall'ispirazione di Bradbury, che usa gli scenari futuribili come pretesti, sempre, per una riflessione anche morale sul presente, per mettere in luce le contraddizioni della società dei consumi o il disastro rappresentato dalla corsa agli armamenti; una fantascienza dal nucleo profondamente umanistico e destinata, infatti, a una fortuna immensa. Ma Bradbury non ha scritto solo storie di fantascienza: accanto a queste l'autore ha voluto far posto in questa sua prima autoantologia alle molte altre sue predilezioni, coltivate pervicacemente fin dall'infanzia e mai rinnegate. Così, accanto alle storie ambientate nello spazio troviamo quelle dedicate a una stirpe americana di vampiri, racconti di dinosauri, avventure di viaggiatori nel tempo, robot che si fingono esseri umani, zombie, scheletri, adolescenti assassini, fenomeni da baraccone, spettri e freaks. L'intero continente del fantastico è battuto dall'autore palmo a palmo, seguendo le suggestioni degli scrittori più amati (Poe e Verne, per fare solo due nomi) e scoperti da autodidatta nelle sale di lettura della biblioteca comunale di Waukegan, Illinois. L'infanzia nella provincia americana: ecco, infine, un altro potentissimo nucleo generatore della narrativa di Bradbury, cantore impareggiabile della small-town, raccontata con sguardo nostalgico e feroce insieme. In queste storie, popolate da ragazzini timidi ossessionati dalla paura della morte, della separazione dai propri affetti e, soprattutto, dalla paura di crescere, troviamo il bambino che Bradbury è stato e mai ha smesso di essere. «È lui che ha scritto i miei racconti e i miei romanzi» confessa. «Mi sono fidato delle sue passioni, delle sue paure e delle sue gioie. E quasi mai lui mi ha tradito. Quando nella mia anima c'è un lungo e umido novembre e io penso troppo e percepisco troppo poco, so che è ora di tornare a quel ragazzino con le scarpe da tennis, le grandi febbri, le innumerevoli gioie e i terribili incubi. Non so bene a che punto lui si allontani e io cominci. Ma sono orgoglioso del nostro tandem.»