Islam E Violenza

Autore: Francesca Paci
Editore:
ISBN: 9788842080817
Grandezza: 47,63 MB
Formato: PDF
Vista: 2742
Scaricare Leggi Online


L Islam Per Natura Violento Riflessioni A Margine Del Corano

Autore: Massimo Campanini
Editore: Gangemi Editore spa
ISBN: 8849295081
Grandezza: 26,31 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 7764
Scaricare Leggi Online

L'opinione pubblica è largamente persuasa che l'Islam sia una cultura e una religione intrinsecamente violenta. I mass-media accreditano questa immagine veicolando notizie che attengono esclusivamente il terrorismo, la guerra santa, il conculcamento dei diritti delle donne e delle minoranze, eccetera. A mio avviso, il fine è palese: si tratta di costruire il nemico, un esercizio cui il cosiddetto Occidente è abituato e che rappresenta uno dei mezzi più utili di compattamento e di manipolazione e controllo delle menti e dell'opinione pubblica. Dopo la caduta del comunismo, l'Islam è divenuto l'avversario per antonomasia (lo era già nel Medioevo), e dunque ogni mezzo di propaganda è lecito per combattere questo spietato nemico. Naturalmente, l'Islam è una civiltà ricca e complessa e il problema della guerra santa o jihād (almeno secondo la lettura vulgata del jihād) deve essere affrontato alla luce dei testi sacri, della giurisprudenza e della storia. Indubbiamente il jihād inteso proprio in senso bellico è una delle bandiere dell'islamismo politico o islamismo radicale, di cui al-Qa'ida e l'IS rappresentano le fenomenologie più visibili e inquietanti. Sintetizzare nel breve spazio di una decina di cartelle i complessi problemi del jihād e della nascita e dell'evoluzione dell'islamismo politico o islamismo radicale rischierebbe la banalizzazione. Preferisco allora discutere i termini del rapporto violenza e religione nell'Islam sulla base del testo fondativo per eccellenza, il Corano (senza dunque soffermarsi sulla letteratura giuridica) e lasciare a una breve parte finale l'analisi di taluni punti relativi all'accadere storico dell'islamismo politico o radicale.

Violenza E Islam Conversazioni Con Houria Abdelouahed

Autore: Adonis
Editore:
ISBN: 9788823515871
Grandezza: 43,31 MB
Formato: PDF, ePub, Docs
Vista: 2217
Scaricare Leggi Online


Maestri E Scolari Di Non Violenza

Autore: Claudio Tugnoli
Editore: FrancoAngeli
ISBN: 9788846425508
Grandezza: 62,12 MB
Formato: PDF
Vista: 2305
Scaricare Leggi Online


Islam

Autore: Khalil Samir
Editore:
ISBN: 9788882723804
Grandezza: 19,65 MB
Formato: PDF, ePub, Docs
Vista: 3160
Scaricare Leggi Online


L Islam Il Grande Jihad

Autore: ALBERTO BERTAINA
Editore: angelico
ISBN: 8826068720
Grandezza: 21,34 MB
Formato: PDF
Vista: 7727
Scaricare Leggi Online

Un libro che approfondisce un tema attuale, quello della religione islamica, coinvolta nello scandalo del terrorismo. Questo scritto vuole tracciare la storia dell'Islam dalle sue origini fino a oggi, passando per le diverse tappe della sua espansione. Il termine Jihad è spiegato alla luce del suo significato originario per tentare di riscattarlo dalle accuse superficiali che lo hanno snaturato. Seguono i racconti e le testimonianze di alcuni musulmani insediati in Italia.

The Oxford Handbook Of European Islam

Autore: Jocelyne Cesari
Editore: Oxford University Press, USA
ISBN: 0199607974
Grandezza: 64,30 MB
Formato: PDF, ePub, Mobi
Vista: 3016
Scaricare Leggi Online

The Oxford Handbook of European Islam is the first comprehensive approach to the multiple ways Islam has been studied across European countries. It is not a compilation of country profiles but rather a unique analytical review of the state of knowledge about Islam and Muslim in different European countries, as well as on thematic issues such as Hijab, Sharia, or Islamophobia. For this reason, it will remain relevant beyond the continuous flow of eventsthat rapidly make obsolete other sorts of compilation. It is also the first time, that Western and Eastern Europe are systematically analyzed together in one volume on the question of Islam, bringing to light similarities and also differences in the status of Muslims in these different parts of Europe.

Gesu Cristo Vs Maometto E L Islamizzazione Del Mondo

Autore: ANTONIO GIANGRANDE
Editore: Antonio Giangrande
ISBN:
Grandezza: 79,53 MB
Formato: PDF
Vista: 9090
Scaricare Leggi Online

E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”. Aforisma di Bertolt Brecht. Bene. Tante verità soggettive e tante omertà son tasselli che la mente corrompono. Io le cerco, le filtro e nei miei libri compongo il puzzle, svelando l’immagine che dimostra la verità oggettiva censurata da interessi economici ed ideologie vetuste e criminali. Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!