La Folla

Autore: Guglielmo Giannini
Editore: Rubbettino Editore
ISBN: 9788849802931
Grandezza: 20,98 MB
Formato: PDF, ePub, Docs
Vista: 5039
Scaricare Leggi Online


La Folla Delinquente

Autore: Scipio Sighele
Editore:
ISBN: 9788877997487
Grandezza: 33,92 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 6987
Scaricare Leggi Online


La Folla Studio Di Psicologia Collettiva E Di Diritto Penale

Autore: Filippo Manci
Editore: Filippo Manci
ISBN: 6050404208
Grandezza: 59,67 MB
Formato: PDF, Kindle
Vista: 5821
Scaricare Leggi Online

Indice dei Contenuti Prefazione Premessa Capitolo I. Introduzione. I. L’avvento alla storia. II. Da Spartaco alla Rivoluzione francese. III. Rivoluzione francese e Risorgimento italiano. IV. Il valore sociologico della patria. V. L’internazionalismo come principio di conservazione nazionale. Capitolo II. La folla. I. Che cosa è la folla? Definizioni e opinioni. II. Il motivo della solidarietà collettiva: l’interesse. III. Il principio delle folle: le identità psichiche. IV. Il principio delle folle: le identità psichiche. V. Moltitudine e folla. VI. L’elisione delle forze secondo il Sighele. VII. Classi, società e nazioni. Teorica del Tocqueville. VIII. Giurie e commissioni. IX. Imitazione e suggestione: Sergi Tarde e Sighele. X. Il determinismo psichico. XI. soggetti della collettività. XII. La nostra teorica e il principio monistico delle folle. XIII. Suggestione e identità soggettive. XIV. Folle emotiva e folle passionali. XV. La criminalità delle folle e i suoi caratteri. Capitolo III. I fattori della folla. I. I fattori generali. A) Il fattore etnico. B) L’opera delle civiltà. C) Il fattore utilitario. D) Popolazioni urbane e popolazioni rurali. E) Il lavoro. F) Intossicazioni e malattie. G) Il fattore politico-sociale. H) Il processo psichico. II. I fattori specifici. A) I mencurs. B) L’oratore. C) Il fascino oratorio. D) Tribuni e demagoghi. E) Il travaglio oratorio. F) L’eroe. Capitolo IV. Le rivelazioni della folla. I. Le rivelazioni della folla. II. ll delitto politico. III. Conflitto di gruppi e di interessi. IV. Rivoluzioni, lotta di classe, epidemie religiose, ecc. V. Passione politica. VI. Il delitto della folla. Capitolo V. La responsabilità della folla. I. Il progetto del Nuovo Codice penale, Errori e contradizioni. II. La Propagazione passionale ed intensificazione progressiva. III. Il tumulto psichico del Ferri. IV. Corollari. V. Gli art. 165 e 166 C. P. VI. Responsabilità o irresponsabilità?

La Folla E Il Pubblico

Autore: Robert Ezra Park
Editore: Armando Editore
ISBN: 9788871446196
Grandezza: 20,74 MB
Formato: PDF, ePub, Mobi
Vista: 4275
Scaricare Leggi Online


La Folla Delinquente

Autore: Sighele (Scipio)
Editore:
ISBN:
Grandezza: 63,30 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 6599
Scaricare Leggi Online


La Folla

Autore:
Editore:
ISBN:
Grandezza: 54,68 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 6986
Scaricare Leggi Online


Il Capo E La Folla

Autore: Emilio Gentile
Editore: Gius.Laterza & Figli Spa
ISBN: 8858125436
Grandezza: 52,80 MB
Formato: PDF, ePub, Mobi
Vista: 3978
Scaricare Leggi Online

Uno dei più importanti storici italiani esplora il rapporto che ha legato la folla a leader carismatici come Roosevelt, Mussolini, Lenin, Hitler, Ataturk, de Gaulle, Kennedy. E rivela le dinamiche all’interno delle masse, la seduzione delle parole e delle immagini, la personalizzazione della politica, gli effetti sulla democrazia. Attraverso la sua indagine, le persone che vogliono preservare l’autonomia della loro individualità in una democrazia recitativa possono forse apprendere come evitare di diventare una folla, che non può fare a meno di un padrone. La caratteristica fondamentale della folla, protagonista della politica moderna, è il bisogno di un capo. Da ciò ha origine, nell’epoca contemporanea, la personalizzazione della politica e del potere anche nelle democrazie moderne. Nel 2009 “Le Monde” inserì fra i venti libri che hanno cambiato il mondo La psicologia delle folle di Gustave Le Bon, pubblicato nel 1895, tradotto in molte lingue e continuamente riedito fino ai giorni nostri. Le Bon insegnava ai capi che «conoscere l’arte di impressionare l’immaginazione delle folle, vuol dire conoscere l’arte di governare». Politici molto diversi, democratici, totalitari o autoritari seguirono gli insegnamenti della Psicologia delle folle. Nella scia dell’opera di Le Bon, Emilio Gentile rievoca le principali esperienze di personalizzazione del potere nell’epoca contemporanea, da Napoleone a Kennedy: una riflessione storica utile per comprendere l’attuale tendenza a trasformare il ‘governo del popolo, dal popolo, per il popolo’, in una democrazia recitativa, fondata sul comando di un capo acclamato dalla folla. «I caratteri specifici della folla sono la suggestionabilità, l’incapacità di ragionare, l’esagerazione dei sentimenti, il semplicismo delle opinioni e altre caratteristiche che apparentano la folla al bambino o agli esseri primitivi per “la facilità a lasciarsi impressionare dalle parole e dalle immagini, a farsi trascinare in atti lesivi dei suoi più evidenti interessi”.» «Nella folla, le attitudini coscienti, razionali e intellettuali dei singoli individui si annullano, e predominano i caratteri inconsci. I fenomeni inconsci svolgono una parte preponderante nel funzionamento dell’intelligenza. E ciò accade non solo per una folla composta da individui senza cultura o appartenenti alle classi popolari, ma anche per una folla composta da individui colti o appartenenti alle classi superiori. Le decisioni di interesse generale prese da un’assemblea di uomini illustri, ma di specializzazioni diverse, non sono molto migliori delle decisioni che potrebbero esser prese in una riunione di imbecilli.» «Nella psicologia delle folle, le immagini acquistano la vivacità delle cose reali e sono considerate reali: l’irreale predomina sul reale. Ciò va tenuto presente soprattutto nelle elezioni. Il capo candidato può promettere senza timore le più imponenti riforme. Le promesse esagerate producono sul momento un grande effetto e non impegnano affatto per l’avvenire, perché l’elettore non si preoccupa mai di sapere se l’eletto ha rispettato la proclamata professione di fede, in base alla quale avrebbe dovuto giustificare la sua elezione. Ma soprattutto il capo deve possedere il prestigio, l’elemento fondamentale della persuasione, la molla più forte di ogni potere.»