Liberi Con L Informatica Strumenti Culture E Politiche Delle Nuove Tecnologie

Autore: Luciano Costa
Editore: FrancoAngeli
ISBN: 9788846461254
Grandezza: 50,29 MB
Formato: PDF
Vista: 692
Scaricare Leggi Online


Vita Italiana

Autore:
Editore:
ISBN:
Grandezza: 69,78 MB
Formato: PDF, Mobi
Vista: 1276
Scaricare Leggi Online


Rapporto Sul Turismo Italiano

Autore:
Editore:
ISBN:
Grandezza: 22,55 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 5145
Scaricare Leggi Online


Spirali

Autore:
Editore:
ISBN:
Grandezza: 23,81 MB
Formato: PDF, Kindle
Vista: 7944
Scaricare Leggi Online


Aggiornamenti Sociali

Autore:
Editore:
ISBN:
Grandezza: 72,85 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 6723
Scaricare Leggi Online


Notiziario Dell Enea

Autore:
Editore:
ISBN:
Grandezza: 76,69 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 3006
Scaricare Leggi Online


Mondoperaio

Autore:
Editore:
ISBN:
Grandezza: 61,92 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 8873
Scaricare Leggi Online


Enciclopedia Italiana Di Scienze Lettere Ed Arti

Autore: Istituto Giovanni Treccani, Rome
Editore:
ISBN:
Grandezza: 50,31 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 7783
Scaricare Leggi Online


Internet I Nostri Diritti

Autore: Stefano Rodotà
Editore: Gius.Laterza & Figli Spa
ISBN: 8858125088
Grandezza: 49,54 MB
Formato: PDF, Mobi
Vista: 4767
Scaricare Leggi Online

Perché l'accesso a internet dovrebbe essere considerato un diritto fondamentale? Tutti ricordiamo la foto scattata a Tank Man, il ragazzo che il 5 giugno 1989 si parò davanti ai carri armati del Governo cinese divenendo il simbolo della manifestazione degli studenti di Piazza Tienanmen, in Cina. La protesta – che pure è considerata un evento storico importante – non ha cambiato il corso della storia in Cina, né ha dato vita a veri e propri moti rivoluzionari. Il fatto è che, nel 1989, Google, Youtube, Facebook e Twitter non esistevano. Ventuno anni dopo, tutt'altro destino hanno avuto le immagini del gesto di Mohammed Bouazizi, il giovane ambulante tunisino che il 17 dicembre 2010 si è dato fuoco a Sidi Bouzid, in un estremo gesto di protesta contro le condizioni economiche e politiche del suo Paese. Nello spazio di pochi minuti le immagini sono state pubblicate su Facebook, Twitter e Youtube e sono rimbalzate in tutto il mondo divenendo, di fatto, la miccia di quella che è poi passata alla storia come la 'primavera araba'. Partendo da casi concreti e da episodi di vita vissuta, comprendiamo perché il libero accesso alla Rete sia da considerare un diritto 'fondamentale', e quanto esso possa cambiare la vita di un uomo ma anche il corso della storia politica, culturale ed economica di un Paese. Una parola-chiave per ogni capitolo: spazio, diritti, accesso, cultura, uguaglianza, privacy, identità, anonimato, oblio, cittadinanza, sicurezza, democrazia. Sullo sfondo, la Dichiarazione dei diritti in Internet approvata dalla Commissione per i diritti e doveri relativi a Internet che, con la guida esperta di Stefano Rodotà, rappresenta a oggi uno degli sforzi più maturi al mondo di selezionare e riempire di contenuto quelli che sono o dovrebbero essere i diritti fondamentali dei cittadini digitali.