Nomadi

Autore: Gary Jennings
Editore: Bur
ISBN: 8858625854
Grandezza: 34,76 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 3737
Scaricare Leggi Online

Un libro che rivela ancora una volta l’abilità di Jennings nel rendere vivi sulla pagina personaggi e situazioni.Marina Taglieri, La Stampa

Tende Architettura Dei Nomadi

Autore: Torvald Faegre
Editore: EDIZIONI DEDALO
ISBN: 9788822008121
Grandezza: 24,63 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 4974
Scaricare Leggi Online


Nomadi

Autore: Eugenio Turri
Editore:
ISBN:
Grandezza: 47,49 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 4367
Scaricare Leggi Online


L Impero Di Gengis Khan A Cavallo Tra I Nomadi

Autore: Stanley Stewart
Editore: Touring Editore
ISBN: 9788836530687
Grandezza: 55,63 MB
Formato: PDF, Mobi
Vista: 2327
Scaricare Leggi Online


In Viaggio Con I Nomadi

Autore: Fausto Pirìto
Editore: Giunti Editore
ISBN: 9788809015128
Grandezza: 72,86 MB
Formato: PDF, Mobi
Vista: 5301
Scaricare Leggi Online


Nomadi Augusto Altre Storie

Autore: Beppe Carletti
Editore:
ISBN: 9788804526360
Grandezza: 79,17 MB
Formato: PDF
Vista: 8706
Scaricare Leggi Online


Migranti Rifugiati E Nomadi

Autore: Giovanna Campani
Editore:
ISBN:
Grandezza: 72,52 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 696
Scaricare Leggi Online


Io Cammino Con I Nomadi

Autore: Elena Dak
Editore: Corbaccio
ISBN: 8867002155
Grandezza: 45,17 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 5218
Scaricare Leggi Online

UNA STRAORDINARIA ESPERIENZA DI VIAGGIO INSIEME AI WODAABE ATTRAVERSO IL SAHEL. Disperdersi, andare lontano per lunghi mesi e, dopo l'estate, ritrovarsi e danzare... Se si è nomadi dentro non si può far altro che andare. Sono i Peulh Wodaabe, più noti come Bororo, allevatori di zebù dalle grandi corna a lira nelle savane del Tchad centrale, ad accogliere l’esigenza di Elena di farsi pastore. Nella transumanza i Wodaabe seguono la natura nomade e trovano erba buona per le loro mucche; la mobilità induce a mettere radici su pascoli temporanei, in ogni prato, all’ombra di qualunque acacia. I pastori nomadizzano in tutto il Sahel: si spostano durante l’anno in piccoli gruppi fino a quando in autunno, dopo le grandi piogge, si ritrovano con i loro zebù in pascoli verdeggianti e ricchi di sale. Solo allora gli esponenti dei clan riuniti danno corpo alla loro identità attraverso danze, canti, corse di cavalli. Dopo la lontananza, è il tempo dei volti truccati, degli abiti fruscianti, degli occhi spalancati e delle bocche tremanti volte a catturare sguardi in nome della bellezza. È tempo di sorbire con calma tè e latte appena munto, di aspergere profumi sui tessuti, di sciogliere le trecce degli uomini e rifarle strette e lucide. Io cammino con i nomadi è una storia fatta di muggiti, polvere e fumi di fuoco all’imbrunire; di nervosi corpi femminili a seno nudo intenti alla mungitura, di rari mercati dove vendere burro; di danze, danze, danze...