Pearl Harbor

Author: Walter Lord
Editor:
ISBN: 9788811685265
Size: 11,55 MB
Format: PDF, Docs
Read: 130
Download


Pearl Harbor Il Giorno Dell Infamia La Battaglia Delle Midway Dvd

Author:
Editor:
ISBN: 9788871337838
Size: 12,90 MB
Format: PDF, Kindle
Read: 861
Download


Pearl Harbor

Author: Randall Wallace
Editor:
ISBN: 9780141005140
Size: 15,23 MB
Format: PDF, ePub
Read: 230
Download

It was on a sleepy Sunday that the skies above Hawaii were darkened by warplanes, For two young pilots, Rafe McCawley and Danny Walker, and dedicated nurse Evelyn, the war has already had a devastating impact. With America planning a retaliatory act, how will the three find hope amdist the chaos?

Sentieri Di Celluloide N 6

Author: Joe Denti
Editor: Simonelli Editore
ISBN: 8876475850
Size: 14,57 MB
Format: PDF, Mobi
Read: 593
Download

Il Cinema, la Storia del Cinema raccontata da un grande esperto fuori dal coro come Joe Denti che unisce la profonda conoscenza della Settima Arte con una capacità divulgativa fuori dal comune. Senza alcuna pomposa astruseria di chi “fa il critico” ma con la passione avvolgente e coinvolgente di chi tifa per il Cinema, è curioso, ama, tutto quanto è Cinema: storie di film, attori, aneddoti spesso inediti, tutto, davvero tutto. Sono questi i «Sentieri di Celluloide» che propone Joe Denti in una serie di eBook - di cui questo è il Sesto - che, siamo sicuri, coinvolgeranno ed appassioneranno, puntata dopo puntata, tutti quanti amano lasciarsi immergere nelle tante storie ora drammatiche, ora comiche, ora avventurose, ora romantiche che regala il grande schermo. In questo Sesto eBook di «Sentieri di Celluloide» ecco come Hollywood racconta Pearl Harbour e si va dagli eroi americani al cinema di Mario Soldati e Roberto Rossellini, al Noir ed alle Dark Ladies. Protagonisti: John Garfield,Burt Lancaster, Debora h Kerr, Montgomery Clift, Frank Sinatra, Kirk Douglas, Ernest Borgnine, Gary Cooper, Olivia De Havilland, Alida Valli, Humphrey Bogart, Robert Mitchum, Lana Turner, Lauren Bacall, Veronika Lake, Gene Tierney, Rita Hayworth, Barbara Stanwick… e la storia continuerà nel prossimo eBook.

The Kennedy Assassination 24 Hours After

Author: Steven M. Gillon
Editor: Basic Books
ISBN: 0465019994
Size: 20,27 MB
Format: PDF, Mobi
Read: 332
Download

Riding in an open-topped convertible through Dallas on November 22, 1963, Lyndon B. Johnson heard a sudden explosive sound at 12:30 PM. The Secret Service sped him away to safety, but not until 1:20 PM did he learn that John F. Kennedy had been assassinated. Sworn in next to a bloodstained Jackie Kennedy at 2:40 PM, Johnson worked feverishly until 3:00 in the morning, agonizing about the future of both his nation and his party. Unbeknownst to him, his actions had already determined the tragic outcome of his presidency. In November 22, 1963, historian Steven Gillon tells the story of how Johnson consolidated power in the twenty-four hours following the assassination. Based on scrupulous research and new archival sources, this gripping narrative sheds new and surprising light on one of the most written-about events of the twentieth century.

Lo Spionaggio Nella Seconda Guerra Mondiale

Author: Sergio De Santis
Editor: Giunti Editore
ISBN: 9788809019638
Size: 13,71 MB
Format: PDF, Kindle
Read: 759
Download


The Golden Age

Author: Gore Vidal
Editor: Vintage
ISBN: 0307816613
Size: 15,64 MB
Format: PDF, ePub
Read: 441
Download

The Golden Age is the concluding volume in Gore Vidal's celebrated and bestselling Narratives of Empire series-a unique pageant of the national experience from the United States' entry into World War Two to the end of the Korean War. The historical novel is once again in vogue, and Gore Vidal stands as its undisputed American master. In his six previous narratives of the American empire-Burr, Lincoln, 1876, Empire, Hollywood, and Washington, D.C.-he has created a fictional portrait of our nation from its founding that is unmatched in our literature for its scope, intimacy, political intelligence, and eloquence. Each has been a major bestseller, and some have stirred controversy for their decidedly ironic and unillusioned view of the realities of American power and of the men and women who have exercised that power. The Golden Age is Vidal's crowning achievement, a vibrant tapestry of American political and cultural life from 1939 to 1954, when the epochal events of World War Two and the Cold War transformed America, once and for all, for good or ill, from a republic into an empire. The sharp-eyed and sympathetic witnesses to these events are Caroline Sanford, Washington, D.C., newspaper publisher turned Hollywood pioneer producer-star, and Peter Sanford, her nephew and publisher of the independent intellectual journal The American Idea. They experience at first hand the masterful maneuvers of Franklin Roosevelt to bring a reluctant nation into World War Two, and later, the actions of Harry Truman that commit the nation to a decades-long twilight struggle against Communism-developments they regard with a marked skepticism, even though they end in an American global empire. The locus of these events is Washington, D.C., yet the Hollywood film industry and the cultural centers of New York also play significant parts. In addition to presidents, the actual characters who appear so vividly in the pages of The Golden Age include Eleanor Roosevelt, Harry Hopkins, Wendell Willkie, William Randolph Hearst, Dean Acheson, Tennessee Williams, Joseph Alsop, Dawn Powell-and Gore Vidal himself. The Golden Age offers up United States history as only Gore Vidal can, with unrivaled penetration, wit, and high drama, allied to a classical view of human fate. It is a supreme entertainment that will also change readers' understanding of American history and power.

Caccia Zero

Author: Mantelli - Brown - Kittel - Graf
Editor: Edizioni R.E.I.
ISBN: 2372973177
Size: 15,30 MB
Format: PDF, ePub, Docs
Read: 159
Download

Dall’attacco a Pearl Harbor all’ultima disperata difesa di fronte ai massicci bombardamenti alleati e agli attacchi suicidi contro le squadre navali avversarie, il Mitsubishi A6M Reisen (battezzato "Rei-sen", ossia caccia zero con riferimento all’anno 2600 del calendario giapponese,il 1940 d.C) prese parte a quasi tutte le principali azioni dell’aviazione navale nipponica. La sua favolosa manovrabilità e la sua eccezionale autonomia furono leggendarie, e fecero dello Zero il simbolo della potenza aerea del Sol Levante, tanto da renderlo famoso quanto lo Spitfire o il Bf. 109. Lo Zero si conquistò la fama con una serie di brillanti vittorie contro tutti i velivoli alleati nei primi mesi della guerra nel Pacifico, e poiché la marina giapponese trovò difficoltà a mettere in servizio un altro caccia moderno capace di competere con i nuovi aerei alleati che comparvero nel Pacifico verso la fine del 1942, il Mitsubishi A6M dovette sostenere in gran parte il peso delle operazioni fino al termine del conflitto. Per il Giappone lo Zero fu, in realtà, assai più di un aeroplano, ma il simbolo stesso della potenza aerea dell’Impero; er gli Alleati fu assai più di un implacabile avversario, ma un incubo e al tempo stesso un mito. A lungo gli furono attribuite delle virtù in gran parte immaginarie, poiché le sue uniche e incontestabili doti erano un’eccezionale manovrabilità e un altrettanto eccezionale autonomia. Il Mitsubishi A6M è uno di quegli aerei che non potrebbe suscitare opinioni più contrastanti, ora ignorato, ora temuto, infine ridicolizzato, e poi ancora ripreso in considerazione, mitizzato, analizzato criticamente, sopravvalutato, sottovalutato, e così via senza soluzione di continuità. Quando iniziarono le ostilità con lo scoppio della seconda guerra mondiale, lo Zero veniva ritenuto il miglior caccia basato su portaerei del mondo, perché associava una eccellente manovrabilità a un’autonomia molto estesa. Nei primi combattimenti aerei, lo Zero si guadagnò una leggendaria reputazione come "cacciatore", ma nel 1942 le nuove tattiche di combattimento consentirono ai piloti Alleati di ingaggiare duelli in termini più equilibrati. La Marina Giapponese utilizzò frequentemente il velivolo anche basandolo a terra.

I Migliori Caccia Della Seconda Guerra Mondiale La Trilogia Parte 2

Author: Mantelli - Brown - Kittel - Graf
Editor: Edizioni R.E.I.
ISBN: 2372972421
Size: 15,63 MB
Format: PDF, Docs
Read: 633
Download

Nuova edizione aggiornata. Si trattò di una sgradevole sorpresa. I piloti degli Spitfire della RAF avevano respinto la Luftwaffe durante la Battaglia d’Inghilterra e ora, nell’estate del 1941, dovevano affrontarla per difendere l’Europa. Non avevano però previsto la comparsa dei Focke-Wulf Fw 190, i nuovi caccia tedeschi, con motore radiale, che riuscivano a contrastare facilmente gli inadeguati Spitfire V. Quando finalmente la RAF riuscì a catturarne un esemplare nel 1942, ci si accorse che le brutte notizie dovevano ancora arrivare. Il 190, infatti, si rivelò più veloce di qualsiasi caccia britannico o statunitense e, con un armamento poderoso, l’agile velivolo tedesco poteva distruggerli con facilità. Per il Giappone lo Zero fu, in realtà, assai più di un aeroplano, ma il simbolo stesso della potenza aerea dell’Impero; er gli Alleati fu assai più di un implacabile avversario, ma un incubo e al tempo stesso un mito. A lungo gli furono attribuite delle virtù in gran parte immaginarie, poiché le sue uniche e incontestabili doti erano un’eccezionale manovrabilità e un altrettanto eccezionale autonomia. Il Mitsubishi A6M è uno di quegli aerei che non potrebbe suscitare opinioni più contrastanti, ora ignorato, ora temuto, infine ridicolizzato, e poi ancora ripreso in considerazione, mitizzato, analizzato criticamente, sopravvalutato, sottovalutato, e così via senza soluzione di continuità. L'Hawker Hurricane, uragano, a suo tempo non avrebbe potuto esprimere meglio nei fatti quello che era il suo nome. Nato come Fury Monoplane, si proponeva di continuare in versione monoplana il progetto del Fury, uno dei migliori e più raffinati tra i caccia della vecchia generazione. Creato da Sidney Camm della HG Hawker Engineering Company, ideato fin dal 1933 attorno al nuovo motore RR PV 12 e rispondente alla specifica F.5/34, che chiamava per un caccia dotato di 8 mitragliatrici leggere, davvero un aumento impressionante rispetto alle due normalmente portate all'epoca.