Pedagogia Del Gioco E Dell Apprendimento Riflessioni Teoriche Sulla Dimensione Educativa Del Gioco

Autore: Rosa Cera
Editore: FrancoAngeli
ISBN: 885681935X
Grandezza: 53,47 MB
Formato: PDF
Vista: 7272
Scaricare Leggi Online

292.2.108

Rileggere Le Competenze Invisibili Percorsi Narrativi E Prospettive Narratologiche Nella Formazione Continua

Autore: Maria Ermelind De Carlo
Editore: FrancoAngeli
ISBN: 8856868253
Grandezza: 65,30 MB
Formato: PDF, ePub, Docs
Vista: 2302
Scaricare Leggi Online

292.2.125

Il Terzo Ciclo Della Formazione Universitaria Un Contributo Delle Scuole E Dei Corsi Di Dottarato Di Scienze Dell Educazione In Italia

Autore: AA. VV.
Editore: FrancoAngeli
ISBN: 8856871718
Grandezza: 22,79 MB
Formato: PDF, ePub, Mobi
Vista: 372
Scaricare Leggi Online

292.2.127

Per Il Gusto Di Apprendere La Didattica Come Risorsa Contro Il Disagio

Autore: AA. VV.
Editore: FrancoAngeli
ISBN: 8856865254
Grandezza: 39,67 MB
Formato: PDF, Kindle
Vista: 2681
Scaricare Leggi Online

292.4.34

Hikikomori Un Emergenza Educativa

Autore: Corradina Triberio
Editore: Passerino Editore
ISBN: 8893455382
Grandezza: 38,24 MB
Formato: PDF, Mobi
Vista: 9765
Scaricare Leggi Online

L'ebook “Hikikomori: un’emergenza educativa?” di Corradina Triberio, pedagogista specializzata in pedagogia clinica, sorge dalla forte predilezione dell'autrice per il fenomeno giapponese dell'Hikikomori che, negli ultimi tempi, si sta diffondendo sempre di più anche in Occidente. L'analisi dell’autrice si staglia in un filone prima d'ora poco esplorato nelle scienze pedagogiche e che trova, invece, già riscontro in discipline quali la psichiatria, la medicina e l'antropologia. In giapponese il termine Hikikomori (引きこもり), coniato dallo psichiatra Tamaki Saito, sta a significare letteralmente “stare in disparte” (dai verbi hiku “tirare” e komoru “ritirarsi”) e potremmo definirlo in italiano al meglio col termine “autoreclusione”. Negli anni ottanta dello scorso secolo, lo psichiatra sopracitato individuò in terra nipponica un numero crescente di casi di adolescenti che “tagliavano” tutte le comunicazioni con il mondo sociale per ritirarsi in lunghi periodi di auto-reclusione all'interno delle loro camere. Il criterio diagnostico che Saito diede per la definizione dello status della malattia fu un periodo minimo di auto-reclusione della durata di almeno sei mesi. Ciononostante, ci si è resi conto, in seguito, che il periodo di confino può protrarsi anche per svariati anni, giungendo alla piena alienazione degli individui dalla realtà. Malgrado l'autoreclusione, con l'avvento dei nuovi media, o media digitali, cioè di quei mezzi di comunicazione di massa sorti nell'era dell'informatica, i soggetti affetti da Hikikomori sperimentano vie alternative per relazionarsi con l’esterno, lungi dall'essere face-to-face, interfacciandosi con chat, con e-mail, con le realtà dei blog, dei forum e dei social network. Sapientemente, per gli scopi relativi alla stesura dell'elaborato, la pedagogista ha dato spazio alla letteratura già in stampa, offrendo un proprio contributo di impianto pedagogico al problema di estrema rilevanza che, a parer suo, si profila come una nuova emergenza educativa. Corradina Triberio, Pedagogista. Lavora come libero professionista. Tutor esperta in BES. Specializzata in Pedagogia Clinica.

Piano E Progetto Di Area Verde Manuale Di Progettazione Con Dvd Rom

Autore: Alessandro Toccolini
Editore: Maggioli Editore
ISBN: 8891608564
Grandezza: 37,81 MB
Formato: PDF, ePub, Mobi
Vista: 6910
Scaricare Leggi Online


Teatro Strumento Per Comprendere E Promuovere L Interazione Sociale

Autore: Samuel Nava
Editore: Samuel Nava
ISBN: 8826456119
Grandezza: 68,41 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 7724
Scaricare Leggi Online

L'autore si propone di rispondere al seguente quesito: può il teatro fungere da strumento per comprendere e promuovere le interazioni sociali? Avvalendosi di vari materiali, tra cui testi di importante rilievo nella tematica trattata, persone che operano nel settore del teatro sociale, e della sua personale esperienza laboratoriale sul Teatro dell’Oppresso e del tirocinio universitario sul Teatro Sociale, ha cercato di rispondere al suo interrogativo. Con l’obiettivo di scoprire se il teatro possa essere utile, per chi lavora nel sociale e per gli utenti che ad essi si rivolgono, come strumento di indagine dei bisogni dei soggetti in situazioni di disagio oltre che di intervento, adattando esercizi e metodi in base ai casi da trattare, permettendo così di stabilire un contatto tra operatore e utenti con un approccio creativo al lavoro in ambito sociale.