Tecniche E Architettura

Autore: Andrea Campioli
Editore:
ISBN: 9788825173703
Grandezza: 37,16 MB
Formato: PDF, ePub, Mobi
Vista: 798
Scaricare Leggi Online


Sulle Tracce Dell Innovazione

Autore: Nicola Sinopoli
Editore: FrancoAngeli
ISBN: 9788846439215
Grandezza: 35,48 MB
Formato: PDF, ePub
Vista: 8455
Scaricare Leggi Online


Sapienza Tecnica E Architettura

Autore: Angelo Bugatti
Editore: Alinea Editrice
ISBN:
Grandezza: 48,61 MB
Formato: PDF
Vista: 4140
Scaricare Leggi Online


Il Canto Delle Colonne

Autore: Cherubino Gambardella
Editore: Franco Angeli
ISBN: 9788820468774
Grandezza: 72,70 MB
Formato: PDF, Mobi
Vista: 5052
Scaricare Leggi Online


Autocad 2000 Tecniche Avanzate Per Ingegneri E Architetti

Autore: Sham Tickoo
Editore: Apogeo Editore
ISBN: 9788873036968
Grandezza: 52,81 MB
Formato: PDF, Mobi
Vista: 5095
Scaricare Leggi Online


Architettura E Tecnologia

Autore: Claudia Conforti
Editore:
ISBN: 9788888693019
Grandezza: 24,52 MB
Formato: PDF, Kindle
Vista: 3386
Scaricare Leggi Online


Costruire L Architettura Tecniche E Tecnologie Per Il Progetto

Autore: Enrico Dassori
Editore:
ISBN: 9788848122986
Grandezza: 38,73 MB
Formato: PDF, Kindle
Vista: 1429
Scaricare Leggi Online


Archeologia Dell Architettura Xviii 2013 Tecniche Costruttive E Cicli Edilizi Tra Vi E Ix Secolo Fra Oriente E Occidente Atti Del Seminario Padova 25 Ottobre 2013

Autore: Gian Pietro Brogiolo
Editore: All’Insegna del Giglio
ISBN: 8878146323
Grandezza: 45,64 MB
Formato: PDF, Kindle
Vista: 9686
Scaricare Leggi Online

Numerose sono le tecniche costruttive di età romana. In questo numero ne discutono alcuni specifici aspetti tre contributi nella sezione “casi studio”: relativamente alla città di Argentomagus, alle mura di Populonia, all’opus africanus e alle tecniche a telaio litico in Etruria e Campania. Nella prima parte del volume vengono invece pubblicati gli atti di un seminario che si è tenuto a Padova il 25 ottobre del 2013, dedicato a “Tecniche costruttive e cicli edilizi tra VI e IX secolo”. Le relazioni riguardano tre aree geografiche chiave nel dibattito storiografico: alcune regioni del Medio Oriente, dove è accertata una continuità, in età bizantina ed islamica, della tecnica muraria in opera quadrata; la Penisola iberica, per la quale si raffrontano due posizioni antitetiche tra chi la ritiene sviluppata già in epoca visigota e con un’influenza bizantina e chi la collega invece all’arrivo degli Arabi nell’VIII secolo; la Francia, dove le opere in pietra di cava sono assai rare e di datazione controversa; infine l’Italia, dove il confronto è tra i territori bizantini, in particolare Roma e la Sardegna, e quelli longobardi del Nord Italia dove l’opera quadrata non compare che con il Romanico. Il quadro che ne emerge è assai variegato e ancora aperto, il che richiede ulteriori ricerche sia su casi di studio specifici, come quelli qui presentati delle cripte delle basiliche patriarcali di Aquileia e di Venezia o sul San Michele Arcangelo di Perugia, sia per sintesi regionali in aree geografiche, come le coste mediterranee dell’Africa, non considerate in questa sede. E per quanto riguarda l’opera quadrata, l’attenzione è sulla sua ripresa in epoca romanica, argomento di cui si è discusso nel seminario pubblicato nel n. XVII della rivista e che viene ora riproposto in un articolo sulla Liguria di Ponente tra XII e XIII secolo.

Il Collegio Degli Ingegneri E Architetti Di Milano Gli Archivi E La Storia

Autore: AA. VV.
Editore: FrancoAngeli
ISBN: 8846494385
Grandezza: 36,59 MB
Formato: PDF, Docs
Vista: 2819
Scaricare Leggi Online

1501.105

Architettura Energetica

Autore: Aa.Vv.
Editore: Gangemi Editore spa
ISBN: 8849264623
Grandezza: 33,10 MB
Formato: PDF, Kindle
Vista: 7517
Scaricare Leggi Online

Il volume, che fa parte dei Quaderni del Dipartimento di Tecnologie per l'Ambiente Costruito (DiTAC) - Università degli Studi "G. d'Annunzio" di Chieti - Pescara, si configura come una raccolta di concetti, esempi e proposte sul tema del rapporto tra energia ed ambiente costruito. Gli autori infatti, a varie scale, introducono tematiche ed esperienze che propongono e/o ripropongono al lettore argomenti e problematiche tutt'altro che risolti. Sono sviluppati principalmente due aspetti di fondamentale importanza: il primo consiste nel mettere a confronto i diversi contributi degli autori per indicare un filone di ricerca che, nel panorama scientifico, possa aprire nuovi orizzonti per lo sviluppo di idee; il secondo riguarda il valore ed i contenuti della sostenibilità ambientale, che attualmente rappresenta un possibile sbocco per prospettare scenari di crescita urbana ed economica per le future generazioni. Questi due aspetti, che investono globalmente il futuro della ricerca, devono poter definire gli obiettivi per un modo nuovo di utilizzare le tecnologie, di valutarne le conseguenze e le ripercussioni sugli insediamenti abitativi delle prossime generazioni e comprendere gli effetti di queste sulle trasformazioni dell'insediamento edilizio. I contributi suggeriscono, inoltre, uno spunto di riflessione sul concetto della "accettabilità" di queste tecnologie sostenibili, indicando - mediante la descrizione di ricerche, progetti e prototipi dalle molteplici valenze - la strada da percorrere al fine di superare le barriere che si frappongono tra la fase sperimentale-dimostrativa dell'utilizzo di tecnologie innovative e la fase "applicativa" vera e propria, nella quale la tecnologia entra definitivamente nel linguaggio progettuale e nella prassi costruttiva corrente alla pari di altre tecnologie, di "materiali" e componenti impiegati in architettura che costituiscono, oramai, parte integrante del bagaglio culturale dei progettisti e il cui uso è attualmente riconosciuto e consolidato. Giorgio Pardi, architetto e professore associato presso l'Università degli Studi "G. d'Annunzio" di Chieti-Pescara, si occupa dei temi riguardanti l'Innovazione Tecnologica nella progettazione in particolare sulla sostenibilità energetica degli edifici sviluppando ricerche sull'involucro e la sua modificabilità.